venerdì 20 ottobre 2017

Fixed di Eleonora Ragozzino

Fixed
Eleonora Ragozzino 
Paranormal Romance
196 pagine

Trama:

Elisabeth non ha idea di cosa l’abbia portata alla morte. Non ha nessun ricordo, e per quanto si sforzi non riesce a dare una risposta a nessuna delle domande che le affollano la mente. Sa che indossa un assurdo abito da sposa, ma non ha la più pallida idea come sia legato a ciò che sta vivendo. Elisabeth non ha mai creduto alla vita dopo la morte, ma giunta al cimitero è costretta a ricredersi perché dietro all’apparente tranquillità scopre un mondo che prende vita, popolato da persone che vita non hanno. Finché non incontra Sam, l'unico capace di vederla. Sam è pieno di vita, e sembra essere l’esatto opposto di ciò che è Elisabeth. Eppure nonostante l’assurdità della situazione, Sam non vuole fare altro che aiutarla. Vuole starle accanto, anche se lei non fa altro che allontanarlo. Cosa può darle lei, quando non possono nemmeno sfiorarsi? Appartengono a due mondi diversi. Lui è vivo e pieno di opportunità che lei ormai non ha più. Tutto questo le fa paura, non vuole provare nulla per lui e non fa altro che chiedersi perché lui tenga tanto a lei, da quando si rende conto di provare sentimenti che credeva di non poter più provare.




Estratto: 

Ci sedemmo in quello che era diventato il nostro posto. La panchina sotto l’albero.

Lui si sedette per primo e inizio a massaggiarsi le tempie con un'espressione corrucciata nel volto.

Mi misi a sedere anche io, ma all’estremità della panchina,come i bambini che quando combinano qualche disastro cercano di non far più rumore per non destare sospetti. Anche se, il disastro era già stato scoperto.

– Dovevi dirmelo – disse girandosi verso di me per guardarmi negli occhi.

Io invece, non avevo la forza per guardarlo, continuavo a guardare a terra e dissi:

– Ho pensato saresti stato molto meglio senza di me –

– Non pensarlo nemmeno – disse con tono duro.

Dovevo aspettarmelo che fosse arrabbiato

– Ma l’ho fatto, non voglio essere causa di nessun problema –dissi cercando quasi di giustificarmi.

Non volevo che fosse arrabbiato con me, ma lo capivo e avrei voluto fare qualcosa così che lui smettesse di esserlo, ma qualsiasi cosa avessi fatto fino a quel momento aveva causato solo danni, perciò decisi di non fare nulla per paura di sbagliare ancora.

– Tu non hai creato nessun problema. –

La sua voce si stava addolcendo, quasi come se fosse il suo tono di voce normale con me.

– Ma quelle persone. –

– Fottitene di quelle persone e di tutto ciò che hai sentito. –

Ero stata così stupida e così immatura, che l’unica cosa che mi venne in mente da dire fu:

– Mi dispiace – con tono pentito e imbarazzato.

– Avresti dovuto dirmelo. –

– Mi è mancato il coraggio – dissi sinceramente.

Era proprio vero

Quanto è vero, che più teniamo a una persona più abbiamo paura di perderla.

Avevo pensato stupidamente che a ignorare il problema forse non sarebbe successo niente, ma non ero mai stata brava a nascondere i miei sentimenti, cosa che, inoltre si era rivelata palesemente vera pochi attimi prima. Anche a far passare giorni sarebbe saltato a galla, non sarei mai riuscita a mentirgli sapendo di farlo soffrire.

– Perché? – Non era più arrabbiato come prima ma si sentiva ancora che era contrariato.

– Ho pensato che, a presentarti il problema tu stesso avresti capito che questa situazione non andava bene e te ne saresti andato . –

Tralasciai il fatto che se l’avessi visto andare via il mio cuore ne avrebbe sofferto, non ritenendolo poi così importante.

– Non lo avrei mai fatto – disse per rassicurarmi ormai dovevo dire la verità, altrimenti mi sarebbe rimasto quel peso, e non avevo letteralmente la forza per poter sopportare altro.

– Avresti potuto, non ci sarebbe da stupirsi. –

– Non hai capito niente allora. –

Si sentiva che era ferito dalle mie parole, perché così dicendo era come avergli dimostrato che non avevo capito niente di lui.

– Non volevo essere rifiutata, non volevo vederti andare via e sapere che era ciò che volevi, che capissi che non e valeva la pena. –

– Aspetta, Elisabeth calmati. –

– No devi saperlo – Ora era la mia di voce ad essere dura con lui.

– D’accordo. –

Non volevo illuderlo, non era mai stata mia intenzione farlo. Anzi, avevo avuto paura per me, che io mi potessi mai illudere che lui potesse provare qualcosa per me.

– Non avrei mai sopportato di vederti andare via, avrebbe fatto troppo male. Ho pensato di fare il tuo bene, altrimenti non l’avrei mai fatto! Così sarebbe stato più facile. –

Prese del tempo per pensare, rimanendo a guardarmi.

– Ascoltami bene – disse.

Io invece non dissi nulla, aspettando che fosse lui a parlare.

– Io non ho intenzione di andarmene. –

Non ero riuscita a guardarlo fino a quel momento, avevo sentito il suo sguardo fisso su di me, e così quando mi voltai e incrociai il suo, e tutta la mia paura inizio a scomparire.

– Davvero? –

– Assolutamente sì. –

Sorrideva, ed era bellissimo quando sorrideva.

Mi concessi un attimo di quella meraviglia prima di ricominciare a guardare a terra, continuavo a non riuscire a sostenere il suo sguardo

Una domanda mi sorse spontanea.

– Perché? –

– Perché tu ne vali la pena. –

A sentirmi dire quelle parole mi venne spontaneo stringerlo in un abbraccio, anche se non potevo veramente farlo.

Lui rimase sorpreso di questo, anche perché non sentiva nemmeno il contatto con il mio corpo.

– Fai finta che io lo stia facendo davvero – dissi mentre continuavo a circondarlo con le mie braccia.

– Sarebbe bello. –

Lo lasciai andare dopo un po’, anche se desiderai con tutta me

stessa di non doverlo fare.

– Ricordi cosa ti ho detto l’altra sera? –

– Si – dissi. Come potevo dimenticarlo? Quando l’unica cosa

che avevo fatto per tutto il tempo in cui non l’avevo visto era stato ripensare ai momenti che avevo passato con lui.

– Riguardo al fatto che ho smesso di parlare di ciò che vedevo ? –

– Sì. –

– Non ti ho detto tutta la verità – confessò.

Non volevo che si sentisse in obbligo di raccontarmi cose che avrebbero potuto farlo stare male, avevamo appena avuto un momento che si poteva definire felice, e non volevo che si rovinasse un’altra volta quell’atmosfera che si era creata fra noi due.

– Non sei obbligato. –

Ma più che obbligato sembrava che avesse il bisogno come me di dire la verità.

– Volevo dirtelo, volevo dirti tutto, eri lì, mi ascoltavi e per la

prima volta mi sono sentito capito pienamente, ma ho avuto paura. –

– Paura di cosa? –

– Paura che tu non sopportassi ciò che sono, non potevo dirtelo , non potevo rovinare tutto, stavamo così bene insieme –

Non ero stata l’unica che aveva paura di essere abbandonata per ciò che era, era questo evidentemente il motivo per cui non se ne era andato sapendo cosa avevo fatto.

Non l’aveva fatto perché lui mi capiva.

Ci teneva a me, e me lo stava dimostrando così.

– Hai avuto paura per me? –

Adesso era lui a non guardarmi più, ma volevo che lo facesse, perché se l’avesse fatto avrebbe capito che non ero affatto arrabbiata,anzi ero felice per ciò che stava sotto alle sue parole.

– Sì – disse guardandomi.

– Non devi preoccuparti per me. –

Stavo sorridendo e gli accarezzavo una guancia con la mia mano destra, anche se non poteva sentire nemmeno quello.

– Certo che devo – Lo disse con così tanta convinzione che quasi me ne convinsi. Non riuscivo a non guardare i suoi occhi, così tanto da riuscire a guardare il mio riflesso all’interno.

Non era possibile che ci fosse il mio riflesso, eppure lo vedevo, era li.

Lui mi stava guardando, come si guarda qualcosa di. bello.

– Te l’ho già detto, non voglio essere un peso. –

– Non posso lasciarti sola. –

Era sempre più convinto di quello che diceva, e sebbene tutto

questo non facesse altro che far scomparire la mia paura di vederlo andare via, una domanda non faceva altro che vagarmi per la mente.

– Perché? – domandai di nuovo.

– Perché non voglio farlo! Perché chi si può preoccupare per te se io sono l’unico che sa che tu sei qui? Chi altro può farlo? –

Non avevo capito fino in fondo la mia paura di perderlo fino a quel preciso momento. Ero così terrorizzata al pensiero di vederlo andare via, non soltanto perché mi ero affezionata a lui e mi stavo abituando alla sua presenza, ma perché, se ne fosse andato, mi sarei ritrovata sola.

Avevo paura di stare sola di fronte a un mondo che non riconoscevo in nessuna cosa. E qualsiasi posto io potessi andare non mi avrebbe mai fatto sentire come se fossi in quello giusto.

Avevo paura di perderlo perché. era l’unica persona che avevo con me.

Fece un respiro profondo e si girò a guardarmi, dopo che entrambi ci eravamo persi nei nostri pensieri.

Io non avevo risposto alla sua domanda, anche se, non c’era una vera e propria risposta da dare.

Si rispondeva da sola.

Non c’era nessun altro a parte lui.

– Lasciami spiegare, adesso che ho trovato il coraggio. –







Biografia:

Ha vent’anni e frequenta la facoltà di fisica presso l’università della Calabria. Ama leggere, ma soprattutto immaginare e scrivere storie per dare libero sfogo alla sua fantasia. Ciò che è più importante per lei nelle sue storie, non è tanto cosa i suoi personaggi stiano facendo ma ciò che sono capaci di trasmettere, che abbiano reazioni e sentimenti veri, in modo da sembrare reali.

Tre nerd due capre e una bionda di Luigi Dinardo

TITOLO: Tre nerd due capre e una bionda
AUTORE: Luigi Dinardo
EDITORE:  Alcheringa Edizioni
DATA DI USCITA: 22/06/2016
PREZZO: 2,99

Trama:

Luigi è un nerd, tecnologico, matematico, disoccupato, e soprattutto grasso.
La sua vita si snoda fra la sterile ricerca di un lavoro, le serate con gli amici nerd, i video esilaranti postati su YouTube che lo rendono ridicolo ma allo stesso tempo gli danno celebrità fra gli appassionati del web, e la speranza di conquistare Beatrice, l’affascinante figlia bionda dell’onorevole Porcelli.
Ma di chi sono le due capre sbucate dal nulla la notte di capodanno?
E soprattutto, riuscirà Luigi a raggiungere gli obiettivi che si è proposto?






Tre nerd due capre è una bionda è un Romanzo comico molto originale. 
 Il protagonista e voce narrante della storia è Luigi, un trentenne laureato in matematica che abita ancora con la sua pazza famiglia. 
È un ragazzo bonaccione che usa citazioni di film, canzoni, serie tv e videogiochi per farci immergere nella sua pazza vita.

  <– Tutto bene nonna? – chiedo con gentilezza. – Certo tesoro. Sono una roccia io, che ti credi? Ho fatto un ketchup completo il mese scorso. Sì, con la maionese.>

 L'ironia con cui ci presenta i personaggi e le situazioni che si vengono a creare è pungente e schietta. 
Attorno a lui troviamo spesso e volentieri i suoi amici nerd: Joseph, Paolo e Ivan e una ragazza Beatrice. 

Il loro primo incontro si ha quanto Luigi cerca lavoro presso una compagnia di vendita porta a porta. Questa biondona si chiamerà anche come l'amata di Dante ma di angelico non ha niente, soprattutto perché ascolta musica adatta solo a quindicenni. 

 < – Ragazzi che ne dite se vi leggo le carte? Rimango allibito. – Oh cazzo, tua nonna è una strega! – esclama Ivan gasato come se avesse visto per la prima volta un film con Edwige Fenech.> 

 Consiglio questo romanzo a chi vuole una lettura leggera e divertente. 


 P.S. Grazie per le dritte del Monopoli saranno molto utili. 

P.P.S. I consigli per riutilizzare il libro sono fenomenali XD




giovedì 19 ottobre 2017

Eloe Garner di Vicky Grace

Data della pubblicazione: venerdì 13 ottobre
Piattaforma: Amazon
libri per ragazzi: 12-14 anni
Autrice: Vicky Grace



Trama: 

Suspense, fantasia e leggerezza, è il mix che trasporterà il lettore in un susseguirsi di peripezie, con una pettegola sbirciatina alla vita segreta di una Top Model.

La moda è il suo mondo. Indossare vestiti e gioielli preziosi il suo mestiere. Ma quello che la protagonista ancora non sa è che un semplice bracciale la trascinerà in una pericolosa ricerca, proiettandola in una rocambolesca avventura.

Il giorno del suo sedicesimo compleanno, Eloe eredita un bracciale che ha un misterioso potere.

Tra sfilate e sessioni fotografiche, la giovane Super Model, figlia di una nota stilista, rischierà la vita nel tentativo di capire come funziona il potere del ciondolo numero otto, parte di una collezione di nove magici amuleti tutti ancora da trovare.

In compagnia di un suscettibile e vanitoso spirito guida, dell’abile amico informatico e della severa governante, Eloe si farà coraggio e, a colpi di tacchi, pose con labbra a canotto e quello che potrebbe rivelarsi un piano perfetto, sfiderà colui che vuole porre fine alla sua ricerca: il temibile Xeerox.



MAGIC FASHION CHARMS SERIES: 

#1 - Eloe Garner
#2 - INEDITO




ESTRATTI



Estratto 1

“Quella notte, prima di scivolare nel sonno, sentii il mio corpo appesantito. Era come se si stesse addormentando dimenticandosi di portare i miei pensieri con sé. Con gli occhi ancora aperti iniziai a sognare sogni agitati. Poi uno di questi mi portò di fronte a una porta rossa e a un numero civico ben preciso che lessi, ma che quasi subito scordai. Ruotai il pomello luccicante della porta ma questa non si aprì. Sconsolata e indebolita appoggiai la fronte al portone. Fu allora che udii un bisbiglio provenire da dietro l’uscio: «hai solo cinque giorni di vita. Sto venendo a prenderti.»”

Estratto 2


“Rivolgendo ancora l’attenzione al pubblico fui colpita da due pallide gemelle dai capelli rosso-arancio che avranno avuto all’incirca la mia età. Le due si accorsero che stavo guardando proprio loro. Una alzò il braccio destro e l’altra con perfetta sincronia il sinistro. In alto congiunsero le mani, intrecciarono le dita per poi abbassarle e puntarle nella mia direzione. Mi sentii a disagio.

«Eloé,» appariva sempre un accento quando la fotografa pronunciava il mio nome, «vien, on bouge d’ici. On va ailleurs maintenant.» Non avevo capito niente. Un’assistente riassunse in due parole: «cambiamo location.»

Spostando soltanto le pupille guardai ancora in direzione delle gemelle: benché mi fossi allontanata, le loro braccia unite stavano ancora puntando verso di me.”






Bio: 

Da sempre innamorata dei libri e affascinata da racconti di ogni genere, mi sono lanciata nella scrittura del mio primo romanzo per gioco, creando e modellando i personaggi a mio piacimento.

Confesso di essermi talmente divertita nel vedere i personaggi prendere in mano la situazione e dettarmi le loro avventure, che ho deciso di pubblicare il racconto su Amazon e condividere con il grande pubblico le avventure di Eloe.
Ho studiato moda-design presso un College di Londra, per poi addentrarmi in quell'affascinante mondo prima in qualità di foto-modella e poi come fashion editor per una rivista gratuita parigina.

Attualmente vivo in Svizzera con la mia famiglia e i miei due gatti.

Vicky Grace è uno pseudonimo.


Review Party: Burn di Giusy Bellone



Informazioni:

Titolo: Burn
Autore: Giusy Bellone
Editore: Hope Edizioni
Genere: Young Adult
Pagine: 220
Data d’uscita: 11 ottobre 2017

Prezzo: 2,49 (ebook), 12,99 (cartaceo)



Sinossi:

Spesso mi avevano detto che più si ha paura di una cosa e più quel qualcosa acquista potere, mi avevano insegnato tecniche per non temere nulla, ma non erano servite. Se qualcosa te la porti dentro, anche se in un angolino remoto della tua testa, ti farà male e ti farà sentire inadeguata, inutile, scialba.”
Bessie vorrebbe essere invisibile agli occhi di tutti. Fin da bambina ha dovuto fare i conti con una malattia della pelle che l’ha fatta sentire a disagio e l’ha resa vittima di attacchi di bullismo. Per questo motivo, ora che deve scegliere il college in cui andare, opta per uno lontano dalla sua città natale, in modo da poter iniziare una nuova vita distante dagli sguardi di troppo e dalle battutacce.
Quando viene obbligata dalla sua amica ad andare a una corsa clandestina di automobili conosce Trent, un ragazzo popolare e sicuro di sé che entrerà nella sua vita, stravolgendola, e riporterà a galla tutte le sue paure e le sue insicurezze. Trent è davvero il ragazzo aperto e senza segreti oppure anche lui ha un passato da cui scappare? Bessie potrà davvero fidarsi di lui e lasciarsi andare o si tratta solo dell’ennesima presa in giro?
Il bullismo è un fenomeno sempre più diffuso nella società contemporanea e lascia segni indelebili sulle vittime. Ricominciare per loro è difficile, ma possibile, occorre però un lungo percorso per tornare a fidarsi degli altri. Il romanzo è un esempio di come sia possibile farlo attraverso la scoperta dell’amore.







Ho letto questo libro a tema bullismo in anteprima e mi ha lasciato dei pareri contrastanti. Da una parte abbiamo la storia di Bessie che ha un passato da vittima di bullismo e un presente quanto meno minato da questi ricordi e dall'altra parte abbiamo Trent (il belloccio) che sembra poter avere tutto e tutte ma come in ogni storia d'amore che finisce bene (come questa) c'è sempre un MA e verso la fine si inizierà a vedere oltre la corazza del "bello" di turno.

Io stesso sono stato vittima di bullismo e con molte tematiche trattate nel libro sono d'accordissimo, ma secondo me avrebbe dovuto dare più spazio a questo argomento che in questo momento è così attuale. 
La cosa che mi ha più contrariato sono state le frasi da film romantico e la fine prevedibile dopo nemmeno due pagine.. ci si rende subito conto di dove andrà a parare la storia. 
Un altro punto dolente è la parte "maschile" del libro in quanto su tutto il racconto ci sono due personaggi su cinque che usano violenza sulle donne.. anche questo è un tema piuttosto ricorrente nelle cronache odierne ma giuro che non tutti siamo così.. non ci alteriamo per un "No!". 
Molti di "noi" (sono un maschio anche io ^^) sono più come Joy o lo stesso Trent e quando siamo in una relazione possiamo sbagliare (certo.. tutti sbagliano) ma ci mettiamo il cuore e non faremmo mai del male ad un donna! 
Perché prima di tutto far del male (che sia uomo o donna) è da scemi, presuntuosi, egoisti e tanti altri aggettivi al quanto spiacevoli. E in seconda battuta picchiare è sempre sbagliato ancor di più quando lo fai contro una donna. 
Però consiglio comunque questo libro (soprattutto) alle ragazze in quanto questo libro sembra "parlare" a loro. 
Ma non sconsiglierei la lettura anche al genere maschile che qui potrebbe capire quanto dolore una parola in più o in meno possono fare.


















L’autrice:

Giusy Bellone ha 20 anni e studia giurisprudenza. Ha una passione innata per la lettura e scrive da quando era piccola. È innamorata della vita e le piace osservare i dettagli delle cose e delle persone, da cui trae ispirazione.






mercoledì 18 ottobre 2017

Review Party: Adrenalin di Emma Altieri

Buongi giorno Bookish!
Ecco per voi la recensione di Adrenalin il primo libro della serie Smartness di Emma Altieri.



Titolo: Adrenalin
Autrice: Emma Altieri
Editore: Self

Smartness Series #1


Trama:

Ryan sta per realizzare il suo sogno: la Ducati Corse lo vuole come corridore nella sua scuderia. Quando però troverà Jamie Pedrini sulla sua strada, tutto sarà più difficile. Jamie è l'ingegnere e collaudatore della sua moto e lui non può minimamente accettare che una donna abbia fra le mani il suo futuro. L'amore per le moto li accomuna, una forte passione si sprigiona fra di loro fin dal loro primo incontro ma sono tanti gli ostacoli davanti a loro.
Riusciranno a mettere da parte il loro orgoglio e tutti i loro pregiudizi per collaborare nella riuscita del loro sogno???
Jamie e Ryan infrangeranno il muro del suono alla velocità della loro passione. Vi conquisteranno a suon di chilometri sulla pista.



Smartness Series: 

#1 - Adrenalin 
#2 - INEDITO 



Ryan Crow, è un giovane uomo che presto avvererà il sogno, sarà il nuovo primo pilota della Ducati Corse.
La vita del giovane ragazzo è stata uno scontrarsi con un padre padrone e una madre assente.
Il genitore maschile prepotente ed austero, pretende che il figlio prenda le redini della sua facoltosa azienda, il genitore femminile invece, passiva ad un marito autoritario, non ha mai contrariato lo sposo e mai sostenuto Ryan e il fratello nell'inseguire i loro sogni.
Così Ryan si trova solo con l'appoggio del fratello maggiore ,che gli fa da manager, con una valigia di sogni e desideri per la sua carriera.

Quando arriva ai box per collaudare la sua moto il giovane americano si trova davanti una bellissima ragazza vestita da maschiaccio che tutto il team identifica nell'ingegnere e collaudatore della Ducati Corse con cui Ryan dovrà lavorare a stretto contatto per rendere la sua moto migliore in pista.


Jamie Pedrini, adorata da un fratello che l 'affianca nel lavoro ed un padre che una volta era l'idolo dei motociclisti è una giovane  bellissima donna con la passione delle moto e del mondo della meccanica.
Ha perso la madre quand'era ancora piccola e da allora il suo obiettivo è sempre stato quello di rendere il padre e il fratello orgogliosi di lei.
Adora il mondo delle moto, ma soprattutto ama correre in moto, ama la velocità, ama la sensazione che le da mettersi sulla sua moto e scappare dal suo mondo.


Quando i due protagonisti vengono a conoscenza è da brivido, Ryan sessista al massimo non vuole e non si capacita di come una donna possa avere le competenze ed essere l'ingegnere e collaudatore delle Ducati Corse.
Non vuole assolutamente che la Sig.ina Pedrini metta mano alla sua moto.

Tra i due ci saranno battibecchi esilaranti e il fratello di Jamie è un autentico giullare che con le sue uscite fa nascere spesso un bel sorriso sulle labbra.
Tra Jamie e Ryan spesso volano scintille....anzi pezzi - chi ha letto o leggerà il libro capirà - e i sentimenti che si creeranno tra di loro non saranno immediati ma entrambi faranno molta fatica ad elaborarli e soprattutto ad accettarli, in particolare Jamie.

E' un libro ben scritto, la storia tra Ryan e Jamie si sviluppa con una tempista abbastanza lenta cosa che apprezzo, piuttosto dell'innamoramento facile che non sopporto, l'unica parte che a me non ha fatto impazzire è la parte descrittiva delle corse e delle specifiche delle moto,ma è un mio gusto perchè non ci capisco nulla lo stesso, ma sicuramente son ben servite per avvalorare le competenze lavorative dei due protagonisti e rendere le dinamiche in pista chiare.
Apprezzo tantissimo che la scrittrice sia così informata e colta su tanti termini da moto gp e box.

Però sono rimasta spiazzata per una cosa...IL FINALE!!!
Ne vogliamo parlare??
Volevo il secondo libro in seduta stante per continuare a leggere!! La suspance per il continuo è da febbre alta.

Ottimo libro! Ve lo stra consiglio!























martedì 17 ottobre 2017

Ti faranno del male di Andrea Ferrari

Titolo libro: Ti faranno del male
Autore: Andrea Ferrari
Editore: Edizioni Leucotea
Genere: Narrativa, Noir, Biografico
Formato: cartaceo / e-book
Pagine: 106
Prezzo: 12.90 euro il cartaceo / 5.99 euro l'e-book
Data di uscita: 20 aprile 2017


Trama:

Andrea vive in un appartamento protetto del servizio di salute mentale, dentro cui trascorre le proprie giornate quando non lavora come magazziniere o riflette sulla sua condizione vagando per la città. Ormai le donne sono per lui una chimera, non coltiva amicizie e ha una condizione economica precaria. L'uomo è rinchiuso in se stesso e affranto; neanche la pubblicazione del suo primo romanzo, gli dona speranza. Dopo essersi ritrovato, suo malgrado, a vivere in tre diversi ospedali psichiatrici, l'arrivo di Carolina cambierà la sua vita. Questa ragazza dalle vedute antisemite e dai comportamenti particolari, lo condurrà verso situazioni difficili da affrontare. Un romanzo che esaspera la naturale condizione dell'uomo: perché se tutto può andare per il verso sbagliato, quasi sicuramente accadrà. L'opera, seppur inventata, tratta in alcuni casi argomenti ed emozioni vissuti in prima persona dall'autore.





Estratti



BRANO 1

Quella sera, erano le ventuno circa, sono tornato in casa dopo poche decine di metri. Indossavo una maglia elastica e traspirante, adatta alla corsa; il cielo ero nero, illuminato da quei pochi lampioni che si presentavano sotto casa mia, per poi sprofondare nell’oscurità più assoluta la, nei campi. Dannata casa. Mi trovavo ancora in un appartamento protetto, a vivere a contatto con persone a me estranee e sulla cui sanità mentale si potrebbe avere da obiettare.

La strada era dissestata, con il fango e la ghiaia ai lati. Subito oltre il bordo c’erano due fossati, uno per parte, poi l’erba e infine le coltivazioni. Almeno in quei luoghi si respirava aria non contaminata dall’inquinamento, questo lo posso con-cedere.

Le case si formavano assieme alla via, man mano che ci si avvicinava alla strada principale, quella dominata da una grossa fabbrica per mangimi animali, la Torin. Venivano da ogni parte della provincia per lavorare in quel posto del diavolo.

La Torin aveva dei grossi capannoni paralleli alla via principale e, delle ciminiere alte, chiuse. I silos contenenti i mangimi erano appena più bassi, di color acciaio, senza ruggine, ben tenuti.

Così, quella sera sono rientrato.



BRANO 2

Erano le dieci di sera, in piazza della vittoria. Un uomo che puzzava di marcio si stava avvicinando. La sua anima era logora, i suoi capelli unti, tinti di biondo. I vestiti erano tipici per un uomo di cinquant’anni con il grano: alla moda e costo-si. Quel figlio di puttana odorava di crimine.

L’uomo si faceva avanti, con passo sicuro. Metteva i piedi uno davanti all’altro, con fare calmo e senza ondeggiare. Dritto davanti a se, niente avrebbe potuto fermarlo. Il cielo era scuro, lì, in quel luogo desolato.

Era una piazza grande, composta da grandi pietre bianche, dei lampioni ai lati, un monumento sulla sinistra alto più delle case circostanti. Il delinquente produceva una piccola ombra che si allungava sotto le luci.

La donna che lo accompagnava era una ragazza giovane, sui ventidue anni. Capelli neri, il ciuffo che penzolava sul lato sinistro, un naso sporgente ma che su di lei poteva risultare attraente. I vestiti della succube consistevano in un completi-no nero che lasciava sporgere le gambe, i seni erano piccoli e ben coperti.

Noi eravamo lì ad aspettarlo, l’avevamo sentito al telefono quasi due ore prima. Quel cazzone doveva avere un’agenda piena, per tardare a quel modo.





Biografia autore:

Nato nel 1986, si diploma geometra e sceglie di continuare gli studi, iscrivendosi a Psicologia. Abbandonata l'università, viaggia per l'Italia per inseguire la sua passione per i concerti. In quel periodo, terrà un diario che pubblicherà sul suo blog personale, seguito da diversi lettori fissi. Nel 2007 per ragioni personali, smette di scrivere. Più avanti comincia a studiare chitarra elettrica e in seguito batteria, nel 2013 riprende con la scrittura e scrive un romanzo. Quell'opera viene ideata durante un ricovero psichiatrico e, una volta spedita, riceve due proposte di pubblicazione. Andrea, non si sente pronto e decide di non portare avanti l'impegno.

Successivamente scrive altri romanzi e vari racconti. Nel 2016 scrive "Odio" che, riceve una proposta di pubblicazione dall'editore 96, rue de-la-Fontaine Edizioni, diventando così uno scrittore esordiente.
Nel 2017, a fine gennaio, riceve una proposta di pubblicazione da Edizioni Leucotea per "Ti faranno del male", il suo secondo romanzo.

Attualmente lavora come disegnatore in area tecnica. I suoi scrittori preferiti sono Irvine Welsh e Charles Bukowski. Le sue seconde grandi passioni sono la musica e il cinema.



Link acquisto:

Amazon: https://www.amazon.it/dp/8899067767?m=A3QPB88FFXW1ZG&ref_=v_sp_widget_detail_page
laFeltrinelli: http://www.lafeltrinelli.it/libri/andrea-ferrari/ti-faranno-male/9788899067762
Mondadori store: http://www.mondadoristore.it/search/?tpr=10&g=ti+faranno+del+male&bld=15&swe=N

Oppure nelle librerie Feltrinelli.

Contatti autore:

Sito autore:
http://andreaferrari900.wixsite.com/andreaferrari
Pagina Facebook autore:
https://www.facebook.com/AndreaFerrari.Scrittore
Blog autore:
http://odioefollia.blogspot.it/




lunedì 16 ottobre 2017

Uno scontro con il cuore di Gloriana D'angelo

Titolo: Uno scontro con il cuore
Autore: Gloriana D'Angelo
Genere: Narrativa Rosa
Data di uscita: 18 Agosto 2017
Casa editrice: Lettere Animate Editore
Pagine: 234
Prezzo Ebook: 2,99 euro
Prezzo Cartaceo:13,50 euro


Trama: 

Soraya è una ragazza con le idee chiare riguardo il suo futuro e pronta a fare enormi sacrifici per raggiungere i suoi obiettivi, come quello di lasciare il paesino in cui è nata e cresciuta per intraprendere gli studi a Torino. Questo, però, non la rende immune dalle piacevoli distrazioni che Damien, un uomo dotato di grande fascino e spesso sfuggente, esercita su di lei. Oltre a scontrarsi con le barriere ben costruite attorno al cuore di Damien, il passato di Soraya tornerà per travolgerla e metterà in discussione le sue scelte.






Estratti: 


''Il tragitto fu silenzioso. Continuai ad agitarmi sul sedile, a disagio. Scandagliai mentalmente, una serie di argomenti che avrebbero potuto destare il suo interesse ma, niente mi sembrava appropriato. D’altro canto, lui sembrava dannatamente tranquillo. Mi innervosiva tutto di lui, ma al contempo non potevo fare a meno di osservare ogni suo gesto, ogni sua espressione. Un sorriso sornione incurvò le sue labbra carnose, accortosi sicuramente che lo stavo fissando. Abbassai lo sguardo, facendo finta di nulla. Dentro di me, ero terribilmente paralizzata. - Come mai hai nascosto a tua sorella con chi uscivi? È un incontro clandestino? C’è qualcosa che dovrei sapere per caso? - Mi guardò con la fronte aggrottata e io avvampai dalla vergogna. - Ehm, si cioè no - - farfugliai in cerca delle parole -- il fatto è che mia sorella si sarebbe fatta delle idee strane se le avessi raccontato del nostro incontro e il motivo di quest’appuntamento. Meglio omettere qualche dettaglio. - Lui mi guardò divertito. - Quindi nascondi delle cose a tua sorella? Hai dei segreti. Interessante. - Mi sentii offesa dalla sua impertinenza, ma non avrei lasciato che l’ultima parola fosse la sua.''


''È una sensazione piuttosto strana. Ti sembrerà banale, lo so, però voglio essere sincero. Tu, Soraya… - si fermò e mi accarezzò piano una guancia e io mi sentii mancare. - porti un po’ di sole al mio cuore. Forse è per questo che ti hanno chiamata così. Soraya. - Adoravo come pronunciava il mio nome. Lasciò cadere la mano lungo i fianchi, e sentii l’improvvisa mancanza del calore della sua mano. Se voleva sortire un qualche effetto su di me con il suo discorso, ci era riuscito. Era vero che avevamo passato poco tempo insieme ma, provavo esattamente quello che provava lui. Forse il colpo di fulmine esisteva veramente? Non ci avevo mai creduto molto. Eppure avevo questa sensazione strana dal primo momento che l’avevo visto. ''








Biografia:

Gloriana D'Angelo è nata in Provincia di Catania nel 1991. Oltre al suo amore smisurato per i libri, adora le serie tv, soprattutto, di genere horror. Nel 2015 ha partecipato al concorso letterario ''Io penso in siciliano'', piazzandosi al terzo posto nella sezione Favole. La sua passione per la scrittura nasce, non solo dal bisogno incessante di mettere nero su bianco le storie che affollano la sua mente, ma anche di una necessaria e piacevole fuga dalla realtà.




domenica 15 ottobre 2017

4 romanzi della serie LARA HARALDS - THE STRANGE MATCHMAKER di S.M. May

Autore: S.M. May
Titolo: LARA HARALDS – THE STRANGE MATCHMAKER COLLECTION
Genere: romance MM – rosa/humour
Editore: Self-published

Uscita: 16 ottobre 2017
Prezzo: € 4,99 - disponibile su Kindle Unlimited

Trama:

Tutti i 4 romanzi in un unico Box Set (CAMBIO GOMME - NEVE FRESCA - GHIACCIO SALATO - DOPPIO VELO)

Una serie eroticamente ironica, che vi farà sorridere e sospirare.
- Non contiene scene di ménage, ma storie d’amore singole M/M (oltre alla storia F/M di Lara) -

Volume #1 - CAMBIO GOMME
Edmonton, Canada. Un meccanico tutto muscoli e dal gran sorriso, un giovane manager fascinoso ma diffidente, una scrittrice di romanzi rosa in crisi d’ispirazione: l’officina di Nathan Cleni è davvero un luogo ricco di sorprese, dove si entra per un cambio gomme e si esce con una revisione al cuore.
Ma non fatevi ingannare dalle apparenze e dall’inserimento temporaneo di una donna tra due maschi. Questo strano triangolo sarà in realtà l’occasione che permetterà a Nathan e Kean di capire qualcosa di più di se stessi, dei sogni che inseguono da tempo e del loro voler essere una coppia. Nonostante tutto.
Una storia eroticamente ironica, dedicata a tutti quelli che si amano, nonostante tutto.

Volume #2 – NEVE FRESCA
Lara Haralds, editor precaria e scrittrice emergente di gay romance, ha un problema. La sua agente le chiede un grosso favore: "stanare" nel suo rifugio tra i boschi canadesi il famoso scrittore Terence Foreman, da sempre schivo e riservato, per aiutarlo a completare la revisione del suo ultimo atteso capolavoro.
Ma Foreman è una vera sfida: non prova attrazione per le donne, non sopporta le scrittrici di romance e, all'apparenza, ha perduto ogni sua personale fonte d’ispirazione. Che fare?
Ancora una volta Lara dovrà impegnarsi parecchio, contando solo sulla sua pazienza, sulle sue leggendarie doti diplomatiche e sull'aiuto imprevisto di un impavido taglialegna che ha sempre avuto un debole per gli intellettuali tormentati e spocchiosi...
Una storia che si dipana tra cacce al manoscritto e laghi ghiacciati, ma anche tra tanto amore, alci e oche selvatiche.

Volume #3 – GHIACCIO SALATO
L’amore è tornato a Cold Lake e Natale sta arrivando. Ma la felicità non è un pacco già pronto sotto l’albero.
Terence e Sebastian, il professore e il suo boscaiolo, hanno deciso di vivere insieme nella baita al margine della foresta, anche se le ferite del passato sono dure da rimarginare per entrambi e la strada verso il futuro è ancora piena di insidie e di scivoloni improvvisi. Eppure nessuno dei due vuole arrendersi: l’amore che provano l’uno per l’altro è il sale della vita e senza di esso nulla avrebbe più lo stesso sapore.
E se da un lato quel sale rischia di bruciare la carne viva, dall’altro è anche l’unico rimedio per impedire al ghiaccio di formarsi sulla “neve fresca” del loro cuore. Ce la faranno?
Una novella natalizia e un’occasione speciale per ritrovare tutti gli amici di Lara Haralds.

Volume #4 – DOPPIO VELO
Finalmente il gran giorno è arrivato: Lara Haralds sta per convolare a giuste nozze con il suo fidanzato, il sexy-stagionato Kean Morgan senior, trasformandosi così da squattrinata editor e scrittrice emergente a signora della buona società, con un ricco bouquet di carte di credito e un uomo innamorato a sua disposizione. E’ il sogno di una vita che si avvera.
Peccato però che anche il suo figliastro Kean junior e il compagno, Nathan Cleni, abbiano avuto la stessa idea, e che una cerimonia a quattro cominci a risultare parecchio complessa da organizzare.
Senza contare che l’incedere nella navata centrale della chiesa potrebbe incontrare continui ostacoli: dai membri di un gruppo politico oscurantista a un padre della sposa molto protettivo, passando per un chirurgo abbronzato che colleziona auto da corsa e che ha messo gli occhi su un certo meccanico, sino a uno spregiudicato industriale francese che ha deciso di dare la scalata alla Morgan Pharmaceuticals e, forse, anche al cuore del giovane manager che siede nel consiglio d’amministrazione.
Ci sarà tempo, spazio e coraggio per arrivare a questo sospirato doppio matrimonio?








S.M. May vive nel nord-est d’Italia, cercando di trovare il giusto equilibrio tra lavoro, famiglia, letture e scrittura. Alcune cose le riescono bene, altre meno. Però tutte sono fatte con passione.

Potete scrivere a sm.may.books@gmail.com.

Pagina Autore


Altre pubblicazioni
GOOD REFERENCES e NUVOLE (Triskell Edizioni);
ADDIO E’ SOLO UNA PAROLA (Rizzoli);
la serie “Secret Agreements”, di cui è uscito SECRET FUNDING, in versione italiana ed inglese (self/pub);
LE VIAGGIATRICI D’INVERNO (self/pub);
la serie “Devils & Partners”: A VOLTE LA MORTE MORDE (nell’antologia “Dreams Collection”, self/pub);
la serie “Oro” che comprende: IL SANGUE NON E’ ACQUA e ORO.
GABBIA PER UCCELLINI