martedì 12 settembre 2017

ZeroZeroZero di Roberto Saviano

Titolo: ZeroZeroZero
Autore: Roberto Saviano
Editore: Feltrinelli
Collana: Universale Economica Feltrinelli
Pubblicazione: Ottobre 2014
Genere: Romance
Serie: Autoconclusivo

Trama
"Scrivere di cocaina è come farne uso. Vuoi sempre più notizie, più informazioni, e quelle che trovi sono succulente, non ne puoi più fare a meno. Sei addicted. Anche quando sono riconducibili a uno schema generale che hai già capito, queste storie affascinano per i loro particolari. E ti si ficcano in testa, finché un'altra - incredibile, ma vera - prende il posto della precedente. Davanti vedi l'asticella dell'assuefazione che non fa che alzarsi e preghi di non andare mai in crisi di astinenza. Per questo continuo a raccoglierne fino alla nausea, più di quanto sarebbe necessario, senza riuscire a fermarmi. Sono fiammate che divampano accecanti. Assordanti pugni nello stomaco. Ma perché questo rumore lo sento solo io? Più scendo nei gironi imbiancati dalla coca, e più mi accorgo che la gente non sa. C'è un fiume che scorre sotto le grandi città, un fiume che nasce in Sudamerica, passa dall'Africa e si dirama ovunque. Uomini e donne passeggiano per via del Corso e per i boulevard parigini, si ritrovano a Times Square e camminano a testa bassa lungo i viali londinesi. Non sentono niente? Come fanno a sopportare tutto questo rumore?"





Premetto che il personaggio “Saviano” mi piace molto, mi incanta il modo in cui parla nelle interviste e, pur consapevole del fatto che spesso e volentieri tocca argomenti scomodi e poco facili da trattare, ammetto che trovo altamente accessibile il suo linguaggio.
La penna di Saviano è spettacolare, esattamente alla stessa stregua della sua capacità oratoria che mi incanta e mi appassiona ogni volta! La puntualità narrativa, la capacità analitica e la precisione descrittiva ha dell’inverosimile e credo che l’autore ne sia pienamente consapevole, soprattutto perché, fin dall’inizio è in grado di sconvolgere il lettore. È infatti innegabile la forza con cui l’introduzione del libro ribalta ogni schema possibile, ogni preconcetto, ogni convinzione, costringendo il lettore a stravolgere, quasi completamente, la sua visione del mondo! L’autore mette il lettore davanti a realtà per la maggior parte note all’opinione pubblica, ma le analizza con una grande maestria e con facile accessibilità di contenuti.
Da questo libro non mi aspettavo certo un romanzo spiccio, tuttavia l’ho trovato, in alcuni punti, fin troppo dettagliato e analitico, tale da assomigliare ad un reportage. Se da un lato questa attenta analisi non può che incuriosire il lettore e consentigli una visione approfondita del tema del narcotraffico, dall’altra rischia di annoiarlo un po’. Avrei gradito qualche divagazione in meno che, spesso, rischia di allungare un testo che di per sé potrebbe rivelarsi pregno di contenuti assolutamente interessanti.

Consigliato a…

A chi vuole saperne di più, a chi vuole affrontare un tema talvolta complicato, articolato e difficile, approcciandolo in un modo tendenzialmente immediato. 








Nessun commento:

Posta un commento